Diamanti

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 2744

Hanno effettuato una misurazione con due tipi di calibro e mi sono sentita dire da tutti che non può essere 40 punti...

Gentile Sig. Lenti, la contatto in seguito alla mia esperienza di acquisto di un anello con diamante, acquistato per circa X.000 euro, la pietra nel certificato è scritto essere 0,40 carati, colore G/H, purezza VS/SI 1.


In questi giorni, presa dall'idea di rivenderlo per acquistare un diamante migliore, mi sono rivolta a varie gioiellerie (poiché dove l'ho acquistato non effettuano la permuta), e mi sono sentita dire da tutti che non può essere 40 punti:

hanno effettuato una misurazione con due tipi di calibro, mi hanno detto che il diamante misura circa 4,3 mm/ 4,6 mm (è un taglio brillante rotondo).


Cosa mi può dire in merito?

C'è modo senza smontare la pietra di avere una misurazione davvero attendibile?


La ringrazio anticipatamente per le informazioni che vorrà darmi.
Cordiali saluti

 

 

Buona sera, Francesca

mi scusi innanzitutto il ritardo, ma sto faticosamente ricuperando e.mail che credevo d'aver irrimediabilmente perduto.

 

Se la montatura del suo diamante é di tipo aperto (sulle punte, per intenderci) quel "circa" é proprio superfluo:

 

Se invece la cintura del diamante é circondata dal castone, come se fosse un colletto, allora il diametro sarà necessariamente approssimato.

Ma soprattutto NON si potranno valutare né lo spessore della cintura, spessore che é un fattore importante in tema di carature, e probabilmente nemmeno la profondità del padiglione...

 

Assumiamo però come attendibili i 4,3 - 4,6 mm del suo taglio rotondo, a brillante, e rileviamo dalle Tabelle Leveridge che la sua gemma potrebbe spaziare fra   0,28 e 0,43  ct

 

A distanza non le posso essere più preciso.

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 2380

Vale la pena farli certificare per poi rivenderli visto che non sono comunque di grosso valore?

salve ho 3 diamanti tra i 0,15 e 0,20 vale la pena farli certificare per poi rivenderli visto che non sono comunque di grosso valore?


quanto mi costa?


grazie

lorenzo

 

Buona sera, Lorenzo

 

far certificare i diamanti é quasi sempre una bella cosa, ma sarebbe ridicolo (e costoso) farlo quando il peso del certificato superasse di tante volte quello dei campioni!  :-)

 

Gemme di quelle dimensioni si trattano in lotto, e se ne discute il prezzo soprattutto in rapporto alla bontà del taglio.

 

Il resto viene dopo.

Molto dopo, salvo il caso di colori decisamente "bassi" e di caratteristiche interne particolarmente visibili...

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 3868

Preferire una veretta con diamante neri oppure con pietre colorate?

Buongiorno,
mio marito vuole regalarmi una fede a giro.


Data la possibilità di scegliere tra fede di diamanti neri, di acquamarina o di zaffiri mi farà andare in gioielleria con lui... ì sono indecisa... mi piacerebbe acquistare la pietra "migliore" tra le tre... quale mi consiglia?


I diamanti neri sono valutati come quelli "normali"?


Grazie
Barbara

 

 

Buona sera, Barbara

mi scusi innanzitutto il ritardo, ma sto faticosamente ricuperando e.mail che credevo d'aver irrimediabilmente perduto.

 

I "diamanti neri" sono quotati molto ma molto meno di quelli incolori.

 

Quelli naturali, di un grigio scuro, antracite, non sono trasparenti, mentre quelli che appaiono (abbastanza) trasparenti sono stati ottenuti scurendo artificialmente il colore di diamanti già in origine di colore "basso", modificato quindi mediante irraggiamento fino a ottenere una tonalità brunastra molto scura.

 

Quanto alla "pietra migliore" sarà lei a decidere quale le piacerà di più...

 

Ma trattandosi di una veretta a giro completo, e scartando i diamanti neri, io sceglierei senza esitazioni quella in zaffiri perché le acquemarine i piccole dimensioni apparirebbero quasi incolori.

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 2424

Ma, rispetto al web, volendo venderlo i gioiellieri non offrono più di...

Buonasera sig. Lenti, vorrei vendere un brillante di 0,70 carati, colore G, VS1.

Nel web brillanti del genere hanno un valore di mercato di X.X00 € ma volendo venderlo i gioiellieri non offrono più di X.X00 €..


lei che dice???

 

Buona sera, Christian

 

mi scusi innanzitutto il ritardo, ma sto faticosamente ricuperando e.mail che credevo d'aver irrimediabilmente perduto.

 

Come al solito si confondono termini come valore, prezzo... e magari anche ricavo!

 

Non seguo il web, almeno non per le gemme, ma ricordo anche a lei che per i beni voluttuari (anche quello travestiti da beni-rifugio) il "valore" da cui consegue il prezzo é dato dall'incontro fra domanda e offerta.

 

E per i diamanti, in particolare, fin che qualcuno non metterà mano al portafogli per comperare proprio il suo esemplare, questi non varrà NULLA.

 

Per fortuna c'é sempre un momento (o un angolino di mondo) nel quale si riesce a vendere  con una certa soddisfazione qualsiasi diamante, a patto di non avere fretta, e di far circolare la voce nel modo più ampio.

 

Certo però che in momenti economicamente comatosi come quello attuale sono molto più numerosi coloro che tirano la cinghia di quelli che pensano a comperare UN diamante...

 

E allora i prezzi calano!

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 2283

Se stiamo parlando di un lavoro artigianale direi che il prezzo...

 

Gentilissimo,
le scrivo perchè in procinto di far realizzare dal mio gioielliere di fiducia un anello modello XXX di XXX (tre fedi di tre colori d'oro unite tra loro) con pavè di diamanti.

Vorrei sapere se sono stato trattato bene come richiesta economica.

L'anello, di misura 11, pesa 11 grammi d'oro e monta diamanti taglio brillante di 1,3 punti caduno di colore D-E e purezza IF/VVS per un totale di circa 2,5 carati per il pavè che ricopre a binario interamente le tre fedi unite tra loro.

La richiesta è di X.X00 €.

Che ne pensa?

Grazie e buon proseguimento.

Buon giorno, Alessandro

 

non conosco quel modello in particolare, e in ogni caso non mi interesso di copie che, sia chiaro, considero degne solo dei nostri concorrenti dell'estremo oriente.

 

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 3598

Se non è possibile acquistare anelli con diamanti artificiali quali sono le pietre che meglio lo imitano?

Buongiorno, volevo avere un chiarimento. é da un po' che volevo acquistare un anello.

Essendo che ho un budget limitato ho saputo che esiste il diamante artificiale ma nelle gioiellerie non di trova.


Come mai?


Se non è possibile acquistare anelli con diamanti artificiali quali sono le pietre che meglio lo imitano?


Infine esistono anelli da acquistare con acquamarina azzurra sintetica?

e se no qual'è la pietra che meglio la imita?


grazie ancora per i chiarimenti

 

Buon giorno, Rossella

 

Il diamante sintetico é presente ormai da anni sul mercato, ma a onor del vero non gode di una diffusione paragonabile al confratello naturale per varie ragioni:

una rete di distribuzione tutto sommato limitata, una disponibilità di forme, dimensioni e colori abbastanza limitata, e soprattutto uno scarso entusiasmi da parte degli addertti ai lavori...

 

Già perché per noi del settore il diamante sintetico é interessante quanto lo sarebbe una confezione di carne in scatola per uno chef...

 

Un prodotto industriale, insomma, magari anche perfezionato, ma assolutamente privo di quel fascino che rende unici per rarità e diversità i diamanti naturali.

 

E ritengo quindi che, pur rappresentando un'interessante fonte di guadagno, siano comunque pochi i gioiellieri che si abbassino ad accostare naturali e sintetici nelle loro vetrine...

Così come non proporrebbero le grandi marche di orologi insieme alle relative imitazioni, o "patacche", prodotte in estremo Oriente.

 

Come imitazione del diamante, soprattutto in tagli diversi dal "rotondo, a brillante" il prodotto con l'effetto migliore é il "cubic zirconia", che oltretutto le costerebbe una frazione di spenderà per la montatura.

 

Per l'acquamarina mi sembra che non sia il caso di cercare imitazioni perché ne esistono di tutti i prezzi...

Ma se proprio insistesse, il topazio azzurro, pietra naturale con il colore modificato (di solito) artificialmente.

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 5534

Si è rotto proprio dove si vedeva il puntino nero...

 

Salve sig. Lenti,
ho ricevuto in dono un anello con diamante da 0.53 colore F purezza SI 1. lo porto da due mesi e l'altro ieri l ho trovato scheggiato.

 

Il mio fidanzato è andato dal gioielliere dove lha comperato. ha dichiarato che questo può succedere a causa dei "piani di sfaldatura che tutti i diamanti hanno",

 

Fatto sta che si è rotto prioprio dove si vedeva il puntino nero che a detta del gioielliere era la causa del SI 1. si è offerto di sostituirlo con una pietra analoga ad un prezzo di X00 euro.

Io mi chiedo è possibile che questo succeda?

 

Può essere stato un incuria di chi ha fermato la pietra sull'anello?

 

Non so che fare, sono in pena per il mio diamante.

 

Grazie, attendo una sua gentile risposta
Michela

 

Buona sera, Michela

 

mi spiace per il suo diamante, ma non potendolo esaminare non sono in grado di azzardare molto di più di un paio di situazioni tipiche.

 

Si, nei diamanti (e anche in altre gemme) esistono dei "piani di sfaldatura", ovvero delle direzioni secondo le quali é possibile separare il cristallo in due unità diverse.

 

Lei però accenna a una "scheggiatura" e a "un puntino nero", quindi se dovessi fare un'ipotesi al buio propenderei piuttosto per una preesistente micro-frattura, oppure una zona con tensioni da stress provocare proprio dall'inclusione che appariva come un puntino vero.

 

Un successivo urto, tanto al momento del montaggio quanto durante un successivo uso, potrebbero aver causato la scheggiatura notata ora con tanto rammarico.

 

Mi sembra che, nella sfortuna, il gioielliere si sia dimostrato comprensivo e disponibile, e spero che lei possa superare presto la crisi  attuale.

 

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 2694

Io non posso apprezzare...

 

buona sera, le volevo chiedere se secondo lei e' un buon anello un solitario di ct 0,30 IF D au montatura in oro bianco al prezzo di X.XX0 euro da regalare alla mia compagna per il mio 15° anniversario.


La ringrazio anticipatamente

Beppe

 

 

Buona sera, Beppe

 

la sua compagna apprezzerà (nel senso di gradire molto) il significativo gesto, mentre io non posso apprezzare (nel senso che mi é impossibile ipotizzare un prezzo) per un diamante di cui non conosco i livelli qualitativi di taglio e di clarity.

 

E non vedendo nemmeno la montatura, non appena riapriranno i mercatini di cui sono un aficionado le prometto che cercherò subito una bella sfera di cristallo.

 

Completa di istruzioni per l'uso!  :-)

 

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 2845

Mi chiedevo se un prezzo così irrisorio potrebbe essere sinonimo di fregatura o poca qualità

Buongiorno, vorrei chiederle un'informazione.

Guardando le vetrine di una gioielleria XXX Oro, lo sguardo si è soffermato su un anello solitario della XXX Gioielli, 0.50 di caratura e colore G/H.


Il prezzo è di soli € X.XX0 e sinceramente mi sembra molto allettante.


Mi chiedevo se un prezzo così irrisorio potrebbe essere sinonimo di fregatura o poca qualità.

Grazie mille

 

Buon giorno, Cettina

 

i parametri che si considerano per approssimare il valore di un diamante riguardano ANCHE il TAGLIO e la CLARITY (la purezza, si ostina a dire qualcuno), e non soltanto il colore e la caratura che mi ha indicato lei.

 

Non potendo precisare i due suddetti elementi le faccio presente che qualsiasi considerazione a proposito di rapporto costo/qualità sarebbe solo fantasia.

  • Scritto da Gianfranco Lenti
  • Categoria: Diamanti
  • Visite: 3099

E' un buon prezzo o posso ambire ad uno 0.50?

Buonasera,

Diciamo che sono un po' confuso...


Devo regalare un anello di fidanzamento alla mia futura moglie e vorrei regalarle una pietra con purezza IF e colore D.


Il mio budget e' di circa X.X00 euro.
Attualmente ho trovato una pietra da 0.41 carati con taglio VG e simmetria e polish excellent.

 

Ha anche delle dimensioni buone perché ha un diametro di 4.89 - 4.86 e il prezzo che mi hanno proposto e' X.X00 euro.

 

E' un buon prezzo o posso ambire ad uno 0.50?

 

Esiste la possibilita' di trovare una pietra più grande ma sempre nel range fino a 0.49?

 

Grazie
Daniele

 

 

Buon giorno, Daniele

 

con la depressione che ha colpito anche il nostro settore diventa quasi impossibile stabilire i limiti entro i quali i rapporti prezzo/qualità dei diamanti siano più o meno buoni...

 

In parole povere, lei giri per negozi e confronti le offerte, perché non mi stupirebbe se riuscisse a trovare anche qualcosina più grande di uno 0,50!

 

Ma tenga SEMPRE presente che i certificati:

 

a -  DEVONO essere emessi da un laboratorio conosciuto e ben reputato,

(anche se io preferisco quelli rilasciati da seri e competenti gioiellieri...)

 

b - sono il riassunto delle (motivate) opinioni dell'analista,

mentre i suoi occhi potrebbero suggerirle scelte diverse:

E io mi fiderei proprio  di questo modo di scegliere le gemme...  :-)

 

Quanto alla possibilità di trovare diamanti con dimensioni diverse, direi proprio che non ci siano problemi, avendo il tempo per cercare con calma.

Ricordi in ogni caso che la differenza dimensionale fra 0,41 e 0,49 é minima, quindi privilegi innanzitutto il taglio.

 

Poi il taglio e infine il taglio, perché non passeggiando col certificato al collo, che il diamante sia IF/D color o meno non  risulterà evidente a nessuno. :-)