• Categoria: Varie
  • Visite: 1065

Avviare una carriera nelle gemme: il gioco vale la candela?

Salve,

Chi le scrive è una ragazza di 25 anni 

In profonda crisi esistenziale! 

Ho trovato il suo sito web grazie alle varie e regolari googolate giornaliere.

Mi chiedevo se potesse offrirmi un consiglio.

È un periodo molto confuso nel quale non riuscire a decifrare cosa voglio e posso diventare sta diventando pesante.

Ho sempre avuto la passione per le gemme e per tutto ciò che le riguarda e sarei interessata a un percorso formativo a Londra con la “GIA", lei pensa che in una città come Londra o comunque fuori dall'Italia riuscirei ad avviare una carriera? 

Ne vale la candela? Servono doti particolari? La ringrazio in anticipo per il suo tempo e al tempo stesso mi scuso per il disturbo.

Buona serata 

Giulia

 

Buon pomeriggio, Giulia 

la mia crisi non é esistenziale ma…informatica, visto i disastri che combino con Mac e cellulare:

però cerco di non farne un dramma e sarei lieto se lei potrà dire altrettanto grazie alle gemme…  :-)

Intanto non si scusi perché non mi disturba affatto, e casomai mi riporta alla bellissima Sydney e alla meravigliosa Australia con i suoi grandi spazi…

E con le sue fantastiche gemme!  :-)

Ottima la sua premessa nel voler iniziare con una formazione gemmologica di base e intanto le faccio presente che la Gemological Ass. of Great Britain non ha nulla da invidiare al GIA…

Almeno NON dal punto di vista didattico, mentre se lei cerca una (efficace!) scorciatoia per entrare in un “giro di colleghi/e” allora gli yankees sono (sembrano) imbattibili.

Quanto alle chances di successo commerciale e professionale, Londra come molte grandi metropoli offre certamente un buon concentramento di opportunità, magari anche ottime…

Ma le offre “a gomito a gomito” con squali di tutti i generi che non avrebbero nessuno scrupolo per sfruttare né tantomeno per distruggere un concorrente.

Ciò non toglie che il settore dei beni voluttuari per eccellenza offra anche in tempi di crisi ottime possibilità di affermazione tanto personale quanto economica.

Ma sia chiaro, NON senza una lunga, impegnativa e sofferta gavetta perché nessuno le regalerebbe niente.

Quanto alle “doti particolari” ritengo siano un velo di romanticismo inventato ad arte per mascherare un duro e lungo lavoro per qualificare un’immagine al disopra di tanti operatori improvvisati e disperatamente sprovveduti.

Che magari continuano comunque a imperversare in rete…  :-(

Mi sono spiegato?

E adesso mi spieghi lei perché non abbia considerato l’Australia come sede della sua gemmoavventura umana, visto che ci vive.  :-)

Vede, in quel continente semideserto (cinesi e giapponesi a parte) mi sembrò d’intravvedere spazi di manovra altrove ormai chiusi da tempo.

Con una realtà ben radicata nel futuro in quel continente c’é ancora la possibilità di vivere a livello umano e nello stesso tempo di coltivare una passione trasformata intanto in una professione.

Potrebbe sbizzarrirsi con una interessante scelta di soggetti, dai favolosi diamanti rosa di Ashton ai numerosi zaffiri di tante località…

O specializzarsi negli opali più belli che esistano, quelli di Lighting Ridge dove arrivai facendo un salto indietro nel tempo di un paio di secoli… 

E come copilota di uno splendido bimotore Cessna il cui proprietario e comandante si fece una lunga dormita dopo avermi ceduto i comandi!

Le cito gli opali australiani perché, non avendo rivali come qualità, godono sempre di un’attenta e quasi famelica considerazione da parte di cinesi e giapponesi.

E di americani, anche se i loro acquisti non sono più frenetici come una volta.

Quindi si faccia un severo esame di coscienza, un esame a base di valutazioni caratteriali, finanziarie e gestionali, la cui attendibilità sarebbe / sarà la base del suo successo.

Prima di una decisione che potrebbe impegnarla per la vita veda però se le riesce di fare una bella ricognizione nel settore ove vorrebbe affacciarsi dal suo gemmobalcone:

una seria ricognizione a largo raggio e senza fretta, con tutta la cura che il suo progetto merita:

non se ne pentirà.

Auguri.