• Categoria: Varie
  • Visite: 1311

Importare e sdoganare oro dai Paesi del Terzo Mondo

Buongiorno, ho visto che siete esperti di metalli preziosi e ho pensato, se possibile, di chiedere a voi per sfatare un mio dubbio.

Se si importa oro di scarsa qualità, 92% di purezza per esempio (comunque meno di 995 millesimi di purezza) in Italia da paesi del terzo mondo, come per esempio alcuni paesi dell’Africa bisogna pagare qualcosa non appena il bene mette piede sul suolo italiano? S

e sì, cosa?

E se invece l’oro ha purezza pari o superiore a 995 millesimi di purezza?

Stessa domanda: si deve pagare qualcosa anche in questo secondo caso?

Grazie in anticipo

Michele

  

Buon giorno Michele

mi spiace ma io mi sono sempre occupato di reperire il metallo e poi di avviarlo verso una qualsiasi dogana mi fosse stata indicata.

Previa fusione in lingotti, perché altrimenti NON sarebbe importabile. 

Qualunque fosse il titolo  aureo dei lingotti, precisandole che l 92% di “fino” non é affatto un titolo di “scarsa qualità.

Anzi!  :-)

In dogana il metallo sarebbe quindi preso in carico da uno spedizioniere autorizzato per le successive operazioni di rifusione e titolazione presso un "banco metalli" uffficiale.

L’oro sarebbe allora TRATTATO in “conto lavorazione” per la necessaria affinazione e poi destinato o pagato secondo le istruzioni del mittente o del destinatario.

Per gli altri dettagli potrebbe contattare la le ditte Ferrari Sped ad Alessandria oppure Battistolli a Vicenza

Sempre che non preferisca un analogo operatore p.esp.es. a Pforzheim.