• Categoria: Corsi
  • Visite: 3780

Intraprendere un corso sui diamanti per poterne fare una professione: ne vale la pena in questo periodo? - 2 -

Gentile Sig. Lenti,

la ringrazio per tutte le informazioni date e approfitto per rivolgerle un'ultima domanda;

l'attestato é riconosciuto?


Un cordiale saluto

 

Buona sera, Giorgio

 

in Italia non esistono "attestati riconosciuti" perché (per fortuna)* non ci sono ancora leggi che prevedano la figura del gemmologo.

 

(*) Per fortuna, perché abbiamo già un sacco di "diplomati" e di "laureati" nelle più svariate materie che, pur avendo il "titolo", poi in pratica non capiscono e non sanno fare un accidente.  :-)

 

E' quindi il "mercato" che, nella libera professione, riconosce i capaci e squalifica i millantatori.

 

Comunque, i soli "titoli" in tema di gemme e gioielli sono l'iscrizione nel "Ruolo dei Periti e degli Esperti" pressa la Camera di Commercio della sua provincia, e l'eventuale, successiva iscrizione nell'elenco dei "Consulenti del Giudice" presso uno o più tribunali.

 

La cancelleria del tribunale di solito iscrive senza problemi quanti, già inseriti nel Ruolo di cui sopra, ne facciano domanda.

 

Invece la Camera di Commercio può, a discrezione della commissione giudicante, ritenere sufficienti gli attestati di frequenza e di competenza presentati insieme alla domanda, oppure prevedere e provvedere anche per un colloquio/esame sui temi specifici.